“L’aria condizionata in casa fa male”. Quante volte abbiamo sentito questa frase? La realtà però è un un’altra: l’aria condizionata fa male se usata a sproposito. Facciamo il punto insieme per sfatare questo mito con degli accorgimenti determinanti.

Il caldo estivo, spesso insopportabile, viene sopperito con facilità con l’accensione dell’aria condizionata. Un beneficio prezioso che però, spesso, viene usato con troppa superficialità non tenendo in considerazione che è una soluzione che dovrebbe essere utilizzata con prudenza. Infatti, se non utilizzata nella maniera corretta, il getto di aria condizionata presenta qualche insidia per la salute tanto da riuscire a provocare bronchiti, raffreddori, dolori articolari e muscolari. Cerchiamo quindi di fare chiarezza sul come utilizzare al meglio i condizionatori, siano essi all’interno della propria abitazione, in ufficio o in macchina.

 

Come utilizzare l’aria condizionata per evitare problemi di salute?

Realizzata per alleviare la sensazione di caldo, spesso insopportabile, l’aria condizionata può determinare effetti negativi sulla nostra salute se non utilizzata al meglio. Spesso, infatti, quando passiamo dal caldo torrido delle strade alle temperature fresche di un negozio spesso abbiamo sensazione di sollievo, altre di disagio. I condizionatori di fatto, se impostati ad una temperatura eccessivamente più bassa rispetto alla temperatura esterna, possono essere rischiosi per il corpo che non è abituato ad abituarsi rapidamente a improvvisi sbalzi di temperatura. E’ necessario dunque limitare uno sbalzo termico eccessivo, regolando la temperatura in modo che renda l’atmosfera piacevolmente vivibile, ma non fredda. La temperatura ideale è di 20°C e, ad ogni modo, lo scarto di temperatura tra interno ed esterno non dovrebbe mai superare i 7°C di differenza.

Altra cosa da tenere in considerazione per evitare problemi di salute è sicuramente la pulizia dei filtri. L’aria condizionata in casa o nel luogo di lavoro fa male se ai condizionatori prima di attivarli, soprattutto ad inizio stagione, non è stata effettuata una corretta pulizia svolta da un tecnico specializzato. La pulizia dei filtri fa parte della cosiddetta manutenzione ordinaria che necessariamente dovrebbe essere svolta almeno una o due volte l’anno in modo tale da avere un’aria più salubre e più salutare.

Dormire con l’aria condizionata accesa fa male?

Partiamo dal presupposto che l’ideale sarebbe refrigerare la stanza raggiungendo la temperatura voluta e successivamente spegnere i condizionatori prima di dormire. Se però il caldo si fa davvero sentire e non permette il riposo notturno, allora è raccomandato non direzionare il getto d’aria sul viso al fine di non rischiare problematiche al volto. Anche in questo caso la temperatura dell’aria non deve essere troppo bassa in quanto durante il sonno le funzioni rallentano ed il caldo viene percepito in maniera diversa. Secondo il Ministero della Salute, per il corretto benessere fisiologico la temperatura interna durante le ore notturne dovrebbe aggirarsi tra i 25 e il 27 C°. Quando la temperatura della stanza scende eccessivamente superando la soglia consigliata può determinare sbalzi termici pericolosi. Ottimale in questi casi è dotarsi di un condizionatore con timer di spegnimento automatico.

 

Funzione dry sul condizionatore

Quando si è raggiunta una temperatura gradevole, dobbiamo ricordarci che la maggior parte dei condizionatori presenta la funzione DRY, ovvero il comando di deumidificazione. Quest’ultimo comando contribuisce a mantenere l’aria fresca e asciutta nonché risulta essere la funzione che più impatta positivamente sul risparmio energetico. In questo modo i problemi di salute determinati dall’aria condizionata possono essere arginati tramite la funzione deumidificazione che garantisce molteplici vantaggi pratici rendendo al minimo la percentuale di umidità all’interno dell’ambiente e rendendo l’atmosfera più salubre.

 

Hai bisogno di ulteriori consigli o pareri tecnici per evitare problemi di salute a causa dell’attivazione dell’aria condizionata? Gli Esperti di Climaway sono a tua disposizione

Commenti (0)

Prodotto aggiunto alla lista dei desideri